Risotto all'Amarone: tradizione veronese

Solo il nome della ricetta basta ad evocare due simboli emblematici della cucina tradizionale veronese: il riso Vialone Nano e il vino della Valpolicella, Amarone.

Il riso, che è uno dei due elementi principali di questa ricetta, è una graminacea di coltura antichissima, e per parecchio tempo ha rappresentato l’unica, o quasi, fonte di sostentamento per molte famiglie di contadini.
La risicoltura era, ed è tuttora, un’attività agraria piuttosto praticata nelle zone del veronese, grazie soprattutto alle acque risorgive delle pianura padana veronese, al terreno e alle cure pazienti di chi coltiva la terra, il riso Vialone Nano può ora vantare caratteristiche uniche ed inconfondibili.
Questo particolare tipo di riso nasce dall’incrocio di due tipologie diverse, il Vialone, dalle ottime caratteristiche gastronomiche, e il Nano, di taglio inferiore e ciclo vegetativo più breve.
Il riso Vialone Nano – o riso isola della scala, a testimonianza di quanto il prodotto sia associato alla località - possiede grandi doti culinarie che raggiungono l’apice nelle preparazione di risotti, assicurando un sapore deciso sia per il gusto che per la consistenza in bocca in armonia con i condimenti.
La produzione è protetta dal marchio I.G.P. ed è controllata dal Consorzio di Tutela, la quale garantisce la genuinità del prodotto, il rispetto dell’ambiente e il rispetto di rigide regole sulla coltivazione, in modo tale che arrivi al consumatore dopo un processo ancora uguale dopo tanti anni, senza interventi chimici o manipolazioni.

Secondo elemento fondamentale di questa ricetta, ma non meno importante, è il Vino Amarone.
I veronesi amano citarlo come uno degli emblemi di questa terra, ed in particolare di quella dolce vallata che ha dato i natali a vini straordinari: la Valpolicella.
Solo da poco tempo è stato premiato con l’ambita fascetta e con la menzione DOCG, l’Amarone è forse il vino più conosciuto del Veneto, definito con questa denominazione “amaro” per distinguerlo dall’altra perla della enogastronomia veronese, il Recioto, vino dolce che ha dato le origini, seppur per caso, all’Amarone.

Il Risotto all’Amarone è un primo piatto particolarmente raffinato e molti ristoranti della zona lo considerano il loro piatto forte.
Molti potrebbero pensare che è uno “spreco” utilizzare l’Amarone come ingrediente di questa ricetta, tuttavia appena assaggiato cambierete subito idea!
E se avanza una bottiglia l’abbinamento con il risotto è ovviamente e vivamente consigliato!